Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Le statine sono overprescribed per la prevenzione delle malattie cardiovascolari?

Per milioni di persone che assumono statine per prevenire l'insorgenza di malattie cardiovascolari, i potenziali danni del farmaco che riduce il colesterolo possono superare i benefici.


Le statine possono essere "significativamente sovrascritte" per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari, suggerisce un nuovo studio.

Così conclude un recente studio di modellistica dell'Università di Zurigo in Svizzera che si interroga sul fatto che le statine siano "significativamente sovrascritte".

La ricerca, che presenta nel Annali di medicina interna, riguarda l'uso di statine per la "prevenzione primaria" delle malattie cardiovascolari in persone senza storia della malattia.

Una misura di prevenzione primaria è quella che interviene per prevenire una condizione prima che possa avere un impatto sulla salute. Le vaccinazioni, per esempio, sono misure di prevenzione primaria.

Le statine sono alcune delle classi di farmaci più prescritte in tutto il mondo. Funzionano bloccando un enzima chiamato HMG-CoA reduttasi che aiuta il fegato a produrre il colesterolo.

La maggior parte delle linee guida mediche raccomandano l'uso di statine per le persone senza una storia di sintomi quando il loro rischio atteso di sviluppare malattie cardiovascolari nei prossimi 10 anni è del 7,5-10%.

Tale soglia di rischio a 10 anni colloca circa 3 su 10 adulti in tutto il mondo come idonei per il trattamento.

Tuttavia, gli autori osservano che "se e come gli sviluppatori delle linee guida hanno pesato sui benefici non è chiaro".

Statine per la prevenzione primaria

Nel 2013, l'American College of Cardiology (ACC) e l'American Heart Association (AHA) hanno aggiornato le raccomandazioni che guidano i medici nel trattamento del colesterolo e dell'uso delle statine.

Una delle ragioni dell'aggiornamento è stata l'argomentazione che il colesterolo nel sangue è uno dei fattori di rischio cardiovascolare più "prevalenti".

Un altro argomento era che ci sono prove che il trattamento del colesterolo riduce il numero di persone che sviluppano malattie cardiovascolari e che muoiono di loro.

L'aggiornamento ha causato polemiche. Questo principalmente perché abbassava le soglie che i medici dovrebbero usare per aiutarli a decidere se prescrivere statine per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari.

Ciò ha raccomandato ai medici di considerare gli adulti senza storia di problemi cardiaci come idonei per la prevenzione primaria se il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari nei prossimi 10 anni è del 7,5% o superiore.

Inoltre, la revisione ha ampliato l'obiettivo della prevenzione includendo non solo la cardiopatia coronarica, ma anche l'aterosclerosi, l'ictus e la malattia arteriosa periferica.

Gli esperti hanno previsto al momento che la piena attuazione delle linee guida avrebbe identificato circa 13 milioni di persone negli Stati Uniti come "di recente ammissibili per la considerazione" per il trattamento con statine.

Le soglie sono troppo alte

I ricercatori dell'Università di Zurigo hanno utilizzato un modello computerizzato per valutare il rischio a 10 anni per le malattie cardiovascolari "in cui le statine forniscono almeno il 60% di probabilità di beneficio netto".

Hanno aggiustato i risultati per eliminare gli effetti dal "rischio concorrente" di morte che non era dovuto a malattie cardiovascolari, così come "il rischio di base, le frequenze e le preferenze per i benefici e i rischi delle statine".

I danni che hanno incluso nei loro calcoli sono stati "eventi avversi", come miopatia (debolezza muscolare), disfunzione epatica e insorgenza di diabete.

I risultati hanno mostrato che le soglie di rischio cardiovascolare a 10 anni in cui i benefici dell'uso di statine superano i rischi sono costantemente superiori a quelli raccomandati nelle linee guida.

Ad esempio, nel caso di uomini di età compresa tra 70 e 75 anni senza storia di sintomi, i danni derivanti dall'assunzione di statine erano maggiori dei benefici fino a quando il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari oltre 10 anni era superiore al 21%.

Per le donne di età compresa tra 70 e 75 anni, il rischio a 10 anni richiesto per il beneficio di superare i danni era del 22%.

Per i pazienti di età compresa tra i 40 ei 44 anni, i benefici superano i rischi con il 14% di rischio cardiovascolare a 10 anni per gli uomini e il 17% per le donne.

"L'atorvastatina e la rosuvastatina hanno fornito un beneficio netto a un rischio inferiore a 10 anni rispetto alla simvastatina e alla pravastatina", osservano gli autori.

In un editoriale collegato ai risultati, Drs. Ilana B. Richman e Joseph S. Ross della Yale University School of Medicine di New Haven, CT, rilevano alcune preoccupazioni circa le soglie aggiornate, in particolare in relazione agli anziani.

Hanno anche commentato che le linee guida hanno "in gran parte respinto" molti degli effetti collaterali inclusi nello studio.

"La raccomandazione sollevava importanti domande sulla soglia di rischio" giusta "alla quale iniziare la terapia con statine per la prevenzione primaria, in particolare perché molti adulti più anziani superano questa soglia sulla base della sola età."

Drs. Ilana B. Richman e Joseph S. Ross

Categorie Popolari

Top