Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Bruciore di stomaco, farmaco acido dello stomaco legato a grave danno renale

L'uso a lungo termine di inibitori della pompa protonica - farmaci popolari comunemente usati per trattare il bruciore di stomaco, reflusso acido e ulcere - potrebbe portare a danni renali e gravi malattie renali.


I ricercatori concludono che l'uso a lungo termine di PPI può causare danni ai reni e deve essere evitato.

Questa è stata la conclusione raggiunta dai ricercatori dopo aver analizzato grandi raccolte di dati sui pazienti tenute nei database nazionali del Department of Veterans Affairs (VA). Riferiscono i loro risultati nel Journal of American Society of Nephrology.

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) riducono l'acido gastrico prodotto dalle ghiandole nel rivestimento dello stomaco. Questo non è lo stesso degli antiacidi, che riducono l'eccesso di acido dopo che entra nello stomaco.

Sono comunemente usati per alleviare i sintomi del reflusso acido o della malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) - una condizione in cui cibo o liquido dallo stomaco si sposta nell'esofago o nella conduttura alimentare.

Gli IPP sono anche usati per il trattamento di ulcere peptiche o dello stomaco e danni all'esofago inferiore causati da reflusso acido. Esistono molti nomi e marchi di PPI. La maggior parte funziona ugualmente, anche se gli effetti collaterali possono variare. Alcuni sono disponibili anche al banco - cioè senza prescrizione medica.

Le stime per il 2013 suggeriscono che 15 milioni di americani sono stati prescritti pompa protonica (PPI) quell'anno. I ricercatori suggeriscono che il numero effettivo di utenti PPI negli Stati Uniti sarà probabilmente più alto, perché alcuni tipi sono disponibili senza prescrizione medica.

I tipi comuni di IPP includono omeprazolo (marca Prilosec, disponibile anche da banco), esomeprazolo (Nexium), lansoprazolo (Prevacid), rabeprazolo (AcipHex), pantoprazolo (Protonix), dexlansoprazolo (Dexilant) e Zegerid (omeprazolo con bicarbonato di sodio) .

I pazienti che assumono PPI hanno maggiori probabilità di sperimentare un declino dei reni

Per il loro studio, il team ha esaminato 5 anni di registrazioni di VA per 173.000 nuovi utenti di PPI e 20.000 nuovi utenti di bloccanti dei recettori H2 - un altro tipo di farmaco che sopprime anche l'acidità di stomaco - e ha cercato l'incidenza dei problemi renali.

La loro analisi ha rilevato che i pazienti che assumevano PPI avevano una maggiore probabilità di sperimentare una funzione renale in declino rispetto ai pazienti che assumevano bloccanti del recettore H2.

L'uso di PPI era anche legato ad un aumento del 28% del rischio di sviluppare malattia renale cronica e un rischio del 96% più elevato di sviluppare insufficienza renale completa, rispetto all'uso di H2 blocker.

I ricercatori osservano che maggiore è la durata del PPI, maggiore è il rischio di problemi ai reni. Essi concludono che l'uso a lungo termine di PPI può causare danni ai reni e deve essere evitato.

L'autore senior, il dottor Ziyad Al-Aly, un nefrologo del VA Saint Louis Health Care System nel Missouri, afferma che i loro risultati sottolineano l'importanza di utilizzare solo gli IPP quando strettamente necessari dal punto di vista medico e anche di limitare la durata dell'uso al più breve possibile. Nota:

"Molti pazienti iniziano ad assumere PPI per una condizione medica e continuano molto più a lungo del necessario".

Lo studio si aggiunge a un corpo di ricerca che solleva domande sull'uso a lungo termine degli IPP.

A gennaio, Notizie mediche oggi ha appreso come un altro studio abbia collegato l'uso a lungo termine di PPI alle malattie renali e, a febbraio, i ricercatori hanno collegato l'uso di PPI al morbo di Alzheimer.

Categorie Popolari

Top