Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Lo studio del resveratrolo offre nuove informazioni sull'Alzheimer

Uno studio di follow-up che studia gli effetti del resveratrolo sulla malattia di Alzheimer porta nuovi dettagli riguardo la risposta immunitaria nel cervello. Sebbene non sia annunciata come una cura, la molecola e i suoi effetti aiuteranno a focalizzare ulteriori ricerche.


Il resveratrolo potrebbe essere la chiave per il trattamento dell'Alzheimer?

La malattia di Alzheimer colpisce attualmente 5 milioni di americani. Ogni 66 secondi, qualcuno in America sviluppa la malattia.

Eppure, al momento, gli esatti meccanismi alla base dell'Alzheimer non sono completamente compresi e le terapie moderne affrontano solo i sintomi.

Questi fatti che fanno riflettere rendono la ricerca dell'Alzheimer un focolaio di innovazione. Ogni potenziale strada viene investigata a fondo, e nessuna molecola viene lasciata nulla.

I risultati dell'ultimo studio sull'Alzheimer sono stati presentati ieri all'Alzheimer's Association International Conference 2016 a Toronto, in Canada. La molecola di interesse era il resveratrolo.

Cos'è il resveratrolo?

Il resveratrolo è un fenolo naturale, rilasciato da alcune piante in risposta ad attacchi o lesioni. Il composto si trova in un certo numero di alimenti, tra cui uva, mirtilli, lamponi, vino rosso e cioccolato fondente.

È noto che la restrizione calorica riduce le malattie legate all'età negli animali e il resveratrolo è noto per imitare la restrizione calorica; lo fa rilasciando le stesse proteine ​​- sirtuine - da qui l'interesse della molecola per coloro che studiano malattie neurodegenerative legate all'età.

Nel 2015 è stata pubblicata la più grande sperimentazione clinica a livello nazionale sul resveratrolo ad alto dosaggio Neurologia. I ricercatori hanno scoperto che il trattamento con resveratrolo a lungo termine di soggetti con Alzheimer da lieve a moderato sembrava interrompere, o almeno rallentare, il progredire della malattia.

È noto che una proteina chiamata amiloide-beta40 (Abeta40) diminuisce quando la demenza peggiora. Lo studio del 2015 ha mostrato che, nei soggetti che assumevano il resveratrolo, i livelli di Abeta40 rimanevano stabili, mentre i livelli del gruppo placebo diminuivano.

All'epoca, il ricercatore principale Dr. Scott Turner ha avvertito: "Questo è uno studio singolo, con risultati che richiedono ulteriori ricerche per interpretare correttamente".

La dott.ssa Turner è stata l'investigatrice principale dello studio in corso, insieme al neurologo Dr. Charbel Moussa, direttore scientifico e di ricerca clinica del programma di neuroterapia della GUMC Translational. Per questo ciclo di prove, il team era interessato ai livelli di molecole specifiche nel liquido cerebrospinale (CSF) dei pazienti di Alzheimer.

In tutto, 19 partecipanti hanno ricevuto una dose giornaliera di resveratrolo (l'equivalente di 1.000 bottiglie di vino rosso) e un altro 19 hanno ricevuto un placebo.

Scoprire gli effetti anti-infiammatori del resveratrolo

Il cervello degli individui con l'Alzheimer è danneggiato dall'infiammazione. Si pensa che questa infiammazione sia dovuta a una reazione all'accumulo di proteine ​​nel cervello, tra cui Abeta40 e Abeta42.

L'infiammazione aumentata sembra peggiorare la malattia. In precedenza, questa infiammazione veniva considerata provenire solo da cellule immunitarie all'interno del cervello. L'attuale studio suggerisce che questo potrebbe non essere il caso.

La molecola principale di interesse per i ricercatori era la matrice metalloproteinasi-9 (MMP-9). Il team ha riscontrato una riduzione del 50% di MMP-9 nel liquido cerebrospinale di coloro che assumevano la dose giornaliera di resveratrolo.

Questo è significativo perché MMP-9 è ridotto quando viene attivato sirtuin1 (una delle proteine ​​legate alla restrizione calorica). Livelli più alti di MMP-9 sono noti per causare una rottura della barriera emato-encefalica - un blocco che normalmente impedisce alle proteine ​​e ad altre molecole di entrare nel cervello.

Inoltre, il team ha scoperto che il resveratrolo aumentava i livelli di composti legati a una risposta immunitaria "adattativa" a lungo termine; questo suggerisce un coinvolgimento di cellule infiammatorie residenti nel cervello. Questo tipo di reazione degrada e rimuove le proteine ​​neurotossiche.

"Queste nuove scoperte sono eccitanti perché aumentano la nostra comprensione di come il resveratrolo possa essere clinicamente vantaggioso per le persone con la malattia di Alzheimer. In particolare, indicano l'importante ruolo dell'infiammazione nella malattia e i potenti effetti anti-infiammatori del resveratrolo."

Dr. Scott Turner

Altre domande a cui rispondere

Sebbene il resveratrolo sia improbabile che sia un trattamento a sé stante (non impedisce alle proteine ​​tau di attaccare e distruggere i neuroni), è previsto uno studio di fase III. Non solo i recenti studi hanno fornito informazioni sulla malattia, ma stanno anche gettando fuori altre domande che richiedono risposte.

Per esempio, la dottoressa Turner spiega un altro dei misteri da scoprire: "Un risultato sconcertante dello studio del resveratrolo (così come le strategie di immunoterapia per l'Alzheimer in fase di studio) è la maggiore contrazione del cervello trovata con il trattamento. nozione che il resveratrolo diminuisce il gonfiore che deriva dall'infiammazione nel cervello di Alzheimer ".

Questa scoperta "apparentemente paradossale" è stata anche descritta in farmaci usati per trattare individui con sclerosi multipla, un'altra malattia del cervello che comporta alti livelli di infiammazione.

L'Alzheimer è una malattia complicata, e sarà solo attraverso uno sforzo concertato che i suoi segreti saranno finalmente svelati e saranno progettati trattamenti migliorati.

Scopri come le proteine ​​tau si sono diffuse attraverso gli spazi tra le cellule.

Categorie Popolari

Top