Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Pinterest e la prevalenza della retorica anti-vaccino

Nell'ultimo decennio, i social media sono passati inesorabilmente alla ribalta della coscienza dell'umanità. Un nuovo studio chiede come questi strumenti vengano usati per influenzare il pensiero generale su importanti questioni scientifiche.


Il discorso scientifico può raggiungere i social media?

Nel 2003, Myspace prese d'assalto Internet, seguito rapidamente da Facebook nel 2004 e Twitter nel 2006.

Oggi, ci sono circa 1,79 miliardi di utenti di social network in tutto il mondo; ciò equivale a un terzo della popolazione mondiale.

Circa il 73% degli americani ha un account Facebook e il 70% di essi accede al sito almeno una volta al giorno.

Prima dei social network, le persone avevano ancora ampi gruppi di conoscenti, naturalmente, ma avevamo meno informazioni sulle loro vite, pensieri, politica e teorie sugli animali domestici.

Gli individui avevano poca conoscenza di ciò che i lontani amici e parenti hanno avuto nel tempo libero, per non parlare di un oscuro collega di lavoro o di quel ragazzo Jeff, che abbiamo incontrato una volta, da qualche parte, 15 anni fa.

La comunicazione è cambiata oltre ogni misura. Da un dispositivo che teniamo in tasca, qualcuno in Papua Nuova Guinea può vedere quello che il loro cugino in Nebraska ha mangiato a colazione, chiacchiera con uno zio irlandese e "gradisce" il colore del nuovo tappeto di Jeff.

Ancora più importante, le persone sono ora libere di condividere idee politiche e scientifiche in un modo che non sarebbe mai stato immaginato qualche decennio fa. Le opinioni sulle questioni più serie sono indossate come distintivi d'onore, mostrate per il mondo da vedere.

Pinterest e vaccini

Una delle piattaforme più recenti è Pinterest, un social network che si concentra sulla condivisione di immagini. Lanciato nel 2010, Pinterest aveva circa 70 milioni di utenti entro luglio 2013. Le immagini, denominate "pin", sono ora pubblicate, condivise e ricondivise, a milioni.

Un nuovo documento intitolato "Sugli spilli e aghi: come vengono descritti i vaccini su Pinterest" è stato recentemente pubblicato sulla rivista Vaccino. Ricercatrice Jeanine P.D. Guidry e il suo team della Virginia Commonwealth University hanno voluto indagare su come il loro particolare campo di interesse è rappresentato su Pinterest.

Guidry ha raccolto 800 perni relativi al vaccino per valutare lo stato dell'opinione pubblica attraverso la piattaforma.

Negatività verso la crescita dei vaccini

Guidry ha scoperto che il 75% dei pin correlati al vaccino era negativo nei confronti dei vaccini. La negatività dei messaggi variava da domande relativamente lievi riguardanti la loro sicurezza a affermazioni più radicali che i vaccini sono specificamente progettati per uccidere le persone.

Dei pin negativi, il 20% ha menzionato le teorie del complotto; questi includevano la collusione con aziende farmaceutiche e piani governativi per controllare i livelli di popolazione attraverso la morte di vaccini. Guidry dice:

"Queste sono le paure reali che le persone hanno - dal punto di vista della salute pubblica, dobbiamo parlare alle persone delle loro paure, ma prima dobbiamo sapere cosa sta succedendo. Fino a questo punto, non sapevamo nemmeno che queste conversazioni stavano avendo luogo su Pinterest. "

I risultati sono una partenza dalla metà degli anni 2000, quando uno studio simile è stato condotto su utenti dai siti di social media Myspace e YouTube. A quel tempo, solo il 25% dei posti correlati al vaccino era negativo.

Notizie mediche oggi chiese a Guidry che cosa avrebbe potuto causare questa crisi e se un aumento generale delle teorie cospirative potesse avere un ruolo. Crede che avere "più sbocchi per le persone che vogliono esprimersi" giochi una parte e che "quelle opinioni siano poi moltiplicate perché quelle piattaforme hanno un impegno maggiore - le teorie della cospirazione hanno una maggiore possibilità di diffondersi anche in questo caso".

Le implicazioni dei social media per la scienza

Gli scienziati sono ora costretti ad affrontare il problema che un'immagine condivisa su un sito di social media può avere implicazioni ulteriori rispetto a qualsiasi documento scientifico pubblicato sull'argomento, almeno per quanto riguarda il pubblico in generale.

I "fatti" medici non dimostrati possono essere pubblicati e visti da milioni di persone in un certo numero di ore, rispetto a fatti genuini e duramente conquistati, che richiedono mesi o anni per accumulare. Pinterest è, ovviamente, solo la punta dell'iceberg dei social media.

quando MNT ha chiesto dei progetti futuri, Guidry ha consigliato che Instagram sarebbe il prossimo; vede il ruolo dei media visivi come particolarmente importante:

"Elaboriamo le immagini in modo diverso dal testo, sono memorizzate in una parte diversa del nostro cervello rispetto ai messaggi di solo testo e li ricordiamo in modo diverso rispetto al testo."

Guidry ha anche detto MNT che ha intenzione di concentrarsi su come "noi, come professionisti della comunicazione della salute pubblica e della salute, possiamo sempre più far parte di queste conversazioni sui vaccini su piattaforme visive".

Il team è ansioso di garantire che la scienza sia al passo con i cambiamenti radicali nella comunicazione moderna. MNT ha chiesto a Guidry se c'era un messaggio particolare che avrebbe voluto inviare a persone che condividono avidamente messaggi anti-vaccino su piattaforme di social media.

"Questo è un problema che ha un impatto diretto sulla salute e il benessere dei bambini. Usa la tua influenza con saggezza", ha detto.

Il pieno impatto dell'aumento dei social media sulla diffusione di informazioni clinicamente pertinenti diventerà solo chiaro nel tempo. MNT ricerca di recente che ha riguardato i social media e il loro impatto sulla nostra salute mentale e il nostro benessere.

Categorie Popolari

Top