Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Corsa: l'osservazione negli occhi può aiutare nella diagnosi?

Gli scienziati hanno fatto una scoperta sorprendente sull'occhio e sul suo apporto di sangue che può aiutare a migliorare la diagnosi e il trattamento dell'ictus.


I nostri occhi potrebbero avere la chiave per una migliore cura dell'ictus?

In un articolo che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Neurologiadescrivono come hanno scoperto che un agente di contrasto che viene somministrato ai sopravvissuti all'ictus per evidenziare anomalie cerebrali può anche fuoriuscire negli occhi.

L'autore senior dello studio, il dott. Richard Leigh, che è un assistente investigatore clinico del National Institute of Neurological Disorders and Stroke - che è uno dei National Institutes of Health (NIH) - afferma che lui ed i suoi colleghi erano "abbastanza sorpresi" da la scoperta, e che "è un fenomeno molto non riconosciuto".

"Solleva la questione", continua, "se ci sia qualcosa che possiamo osservare negli occhi per aiutare i medici a valutare la gravità di un ictus e guidarci sul modo migliore di aiutare i pazienti".

Un ictus si verifica quando una parte del cervello perde il suo apporto vitale di sangue, a causa di un blocco (ictus ischemico) o di una rottura (ictus emorragico) in un vaso sanguigno. La maggior parte dei tratti sono ischemici.

L'ictus era la quarta principale causa di morte negli Stati Uniti, ma - grazie a miglioramenti medici - ora è la quinta. Una pronta assistenza medica a seguito di un ictus può non solo salvare vite umane, ma migliora anche la qualità della vita per i sopravvissuti.

Più di 795.000 persone ogni anno hanno un ictus negli Stati Uniti, dove il costo totale annuo dell'assistenza sanitaria, delle droghe e dei giorni di lavoro persi associati alla condizione arriva a circa $ 34 miliardi.

Barriera emato-encefalica e barriera emato-oculare

Quando le persone vengono ricoverate in ospedale dopo un ictus, di solito si sottopongono a una risonanza magnetica per valutare il danno al cervello. Spesso, questo comporta l'iniezione di un agente di contrasto chiamato gadolinio, che è una sostanza innocua che viaggia verso il cervello e illumina le aree anormali della scansione.

Nelle persone sane, la barriera emato-encefalica solitamente impedisce al mezzo di contrasto di entrare nel tessuto cerebrale. Rimane nel sangue ed è eliminato attraverso i reni.

La barriera emato-encefalica, un sottile strato di tessuto altamente attivo che riveste i minuscoli vasi sanguigni che alimentano le varie parti del cervello, impedisce alle sostanze potenzialmente dannose di attraversare il flusso sanguigno.

Ma un ictus può danneggiare i minuscoli vasi sanguigni e causare perdite nella barriera emato-encefalica, che permette al gadolinio di fuoriuscire nel tessuto cerebrale. Questo si presenta come punti luminosi sulle scansioni MRI.

Tra gli occhi e il flusso sanguigno, esiste una barriera simile chiamata barriera emato-oculare. Vi sono prove di precedenti studi che alcune malattie degli occhi possono disturbare la barriera emato-oculare.

L'ictus può interrompere la barriera oculare-sangue

I ricercatori del NIH hanno scoperto che un ictus può anche interrompere la barriera ematopoietica e permettere al gadolinio di penetrare nell'occhio.

La prova di ciò era evidente negli occhi luminosi delle risonanze magnetiche di alcuni dei sopravvissuti all'ictus che avevano preso parte al loro studio.

Essi suggeriscono che la perdita di gadolinio negli occhi potrebbe essere utilizzata per aiutare a valutare la gravità degli ictus e decidere il trattamento migliore.

Per il loro studio, gli scienziati hanno confrontato le scansioni MRI ospedaliere di 167 sopravvissuti ad ictus che sono stati eseguiti prima e dopo che sono stati iniettati con gadolinio.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a tre scansioni totali: il primo è stato prima di ricevere l'agente di contrasto, il secondo era di 2 ore dopo averlo ricevuto e il terzo era 24 ore dopo.

Poiché il gadolinio è trasparente, l'unico modo in cui poteva essere rilevato era nelle scansioni MRI. La visione dei partecipanti non ne era influenzata.

Perdita di gadolinio e gravità dell'ictus

I risultati hanno mostrato che il gadolinio era trapelato negli occhi del 66% dei sopravvissuti all'ictus alla scansione di 2 ore e al 75% alla scansione di 24 ore.

Il team ha osservato perdite di gadolinio in entrambe le persone che hanno ricevuto un trattamento antitumorale noto come attivatore del plasminogeno tissutale e coloro che non lo hanno fatto.

Alla scansione di 2 ore, il gadolinio era per lo più presente nella camera acquosa, che si trova nella parte anteriore dell'occhio. Alla scansione di 24 ore, era più comunemente avvistato nella camera vetrosa nella parte posteriore dell'occhio. Era meno comune che il gadolinio fosse presente in entrambe le camere alla scansione di 2 ore.

I partecipanti che hanno mostrato il gadolinio presente nella camera del vitreo alla scansione di 24 ore tendevano ad essere più anziani e avevano una storia di ipertensione.

Avevano anche maggiori probabilità di avere segni di lesioni nella sostanza bianca del cervello che sono legate al declino cognitivo e all'invecchiamento. Nelle scansioni MRI, queste lesioni si presentano come punti luminosi di "iperintensità della sostanza bianca".

La minoranza di individui che avevano il gadolinio in entrambe le camere oculari alla scansione di 2 ore erano principalmente quelli i cui ictus avevano colpito una vasta area del cervello e avevano alterato maggiormente la barriera emato-encefalica.

I ricercatori suggeriscono che le loro scoperte potrebbero aprire la strada allo sviluppo di una diagnostica per la gravità dell'ictus senza la necessità di una risonanza magnetica. Invece, ai sopravvissuti potrebbe essere data una sostanza che si accumula negli occhi allo stesso modo del gadolinio.

"Per noi è molto più facile guardare dentro gli occhi di qualcuno che guardare nel cervello di qualcuno, quindi se l'occhio è davvero una finestra sul cervello, possiamo usarne uno per imparare l'altro".

Dr. Richard Leigh

I ricercatori non hanno trovato alcun collegamento tra l'entità della perdita di gadolinio e la quantità di disabilità che i partecipanti hanno subito dopo i loro ictus.

Hanno anche concluso che ulteriori studi dovrebbero esaminare se la perdita di gadolinio avvenga o meno in soggetti sani.

Categorie Popolari

Top