Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Dolore al fegato: sintomi e cause
Come posso ottenere i benefici del succo di carota?
Lo yoga può migliorare la tua vita sessuale?

Lo screening del cancro al seno ha salvato oltre 27.000 vite nel 2018

Un'analisi dei tassi di mortalità legati al cancro al seno dal 1989 al 2018 indica che lo screening del cancro al seno, associato all'accesso a un trattamento migliore, ha migliorato significativamente l'esito sulla salute delle donne con questo tipo di cancro negli ultimi decenni.


Dal 1989, i tassi di mortalità legati al cancro al seno sono diminuiti in modo esponenziale, principalmente a causa di screening e cure migliori.

L'American Cancer Society riferisce che, in media, il rischio di una donna di sviluppare un cancro al seno durante la sua vita è di circa il 12 percento.

Inoltre, la Società stima che circa 268.600 donne negli Stati Uniti riceveranno una diagnosi di carcinoma mammario invasivo nel 2019.

Tuttavia, notano anche che sebbene i tassi di incidenza del cancro al seno siano aumentati dello 0,4% ogni anno, i tassi di mortalità dovuti a questa malattia sono in calo.

Un nuovo rapporto messo insieme dagli investigatori della Scuola di Medicina dell'Università del Colorado ad Aurora, il Duke University Medical Center di Durham, NC, e il Dipartimento di Radiologia e Rogel Cancer Center del Sistema Sanitario dell'Università del Michigan ad Ann Arbor, MI indica che nel 2018 i tassi di mortalità attesi relativi al cancro al seno sono diminuiti di circa la metà, rispetto alla situazione di quasi 3 decenni fa.

Il rapporto - che appare sulla rivista Cancro dell'American Cancer Society - sostiene anche che questa diminuzione significativa è dovuta principalmente alle donne che ottengono lo screening tempestivo del cancro al seno (mammografie). È anche grazie ad un migliore accesso alla terapia migliorata una volta che ricevono una diagnosi.

Oltre 27.000 morti in meno nel 2018

Il team di ricerca ha esaminato i tassi di mortalità per cancro al seno e altri dati correlati raccolti da donne negli Stati Uniti tra 40-84 anni dal 1989 al 2018. I ricercatori hanno prima registrato queste informazioni attraverso il programma Surveillance, Epidemiology e End Results del Istituto nazionale del cancro.

Dal 1990, i ricercatori spiegano, i tassi di mortalità per cancro al seno sono diminuiti tra 1,8 e 3,4 percento all'anno.

Più in particolare, gli investigatori hanno scoperto che nel 2012 tra il 20.860 e il 33.842 decessi per cancro al seno erano meno numerosi. Ciò è probabilmente dovuto a un maggiore accesso alle mammografie e ad un miglior trattamento del cancro.

Nel 2015 ci sono stati 23.703-39.415 decessi in meno e, nel 2018, ci sono stati 27.083-45.726 decessi per cancro al seno in meno negli Stati Uniti.

In termini di tassi di mortalità, c'è stata una riduzione del 38,6-50,5 percento nel 2012, una riduzione del 41,5-54,2 percento nel 2015 e una riduzione stimata del 45,3-58,3 percento dei tassi di mortalità per cancro al seno nel 2018.

Complessivamente, dal 1989 in poi, lo screening dei tumori e l'accesso a un trattamento migliore hanno portato a un totale di 384.046 e 614.484 decessi correlati in meno.

"Esaminato ogni anno a partire da 40 anni"

"Recenti revisioni dello screening mammografico hanno focalizzato l'attenzione dei media su alcuni dei rischi dello screening mammografico, come richiami per ulteriori imaging e biopsie mammarie, sottovalutando l'aspetto più importante dello screening - che la ricerca e il trattamento precoce del cancro al seno salvano la vita delle donne, "nota il primo autore Dr. R. Edward Hendrick.

"Il nostro studio fornisce prove di quanto sia efficace l'associazione tra la diagnosi precoce e il moderno trattamento del cancro al seno per prevenire le morti per cancro al seno", aggiunge.

Hendrick sottolinea anche che, al momento, solo circa la metà delle donne di età pari o superiore ai 40 anni riceve lo screening per il cancro al seno negli Stati Uniti. Spera che le scoperte attuali motiveranno più soggetti in questo gruppo a rischio a cercare controlli regolari.

"Il miglior effetto a lungo termine delle nostre scoperte sarebbe quello di aiutare le donne a riconoscere che la diagnosi precoce e il trattamento personalizzato e personalizzato per il cancro al seno salvano vite e incoraggiare più donne a sottoporsi a screening ogni anno a partire dai 40 anni".

Dr. R. Edward Hendrick

Il coautore dello studio, il dott. Mark Helvie, esprime la convinzione che, in futuro, i progressi nei metodi di screening e nel trattamento del cancro al seno continueranno a portare a una diminuzione dei tassi di mortalità.

Tuttavia, sottolinea, "Mentre prevediamo nuovi progressi scientifici che ridurranno ulteriormente la mortalità e la morbilità del cancro al seno, è importante che le donne continuino a rispettare le raccomandazioni di screening e trattamento esistenti".

Categorie Popolari

Top