Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Un posto di lavoro rumoroso potrebbe influenzare il tuo cuore
La mancanza di "sonno di bellezza" potrebbe ostacolare la tua vita sociale
Virus Zika: la cura si avvicina allo studio di mappatura delle proteine

I farmaci contro gli acidi dello stomaco possono causare depressione

Un nuovo studio - ora pubblicato sulla rivista Psicoterapia e psicosomatica - ha trovato un collegamento tra una classe comune di farmaci per lo stomaco chiamati inibitori della pompa protonica e depressione. I ricercatori suggeriscono che le pillole potrebbero portare a un disturbo depressivo maggiore interrompendo i batteri dell'intestino.


I comuni farmaci per lo stomaco possono scatenare la depressione interrompendo l '"asse dell'intestino-cervello", suggerisce nuove ricerche.

Sempre più studi stanno ora indicando i numerosi modi in cui i nostri batteri intestinali possono influenzare sia il nostro benessere mentale che emotivo.

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che i topi privi di germi che erano stati privati ​​dei batteri benefici dell'intestino mostravano sintomi di ansia, depressione e deterioramento cognitivo.

Poiché i batteri nel nostro intestino possono alterare la funzione del nostro cervello producendo determinati ormoni o neurotrasmettitori - e le risposte emotive possono, a loro volta, influenzare i nostri batteri intestinali - non dovrebbe sorprendere che alcuni studi abbiano trovato un legame tra i post-traumatici disturbo da stress e alcuni ceppi di batteri.

Altri studi hanno non solo individuato specifici batteri la cui assenza può scatenare sintomi di depressione nei roditori, ma hanno anche dimostrato che l'integrazione di detti batteri può invertire i segni della depressione.

Ora, uno studio osservazionale suggerisce che gli inibitori della pompa protonica - che sono una classe di farmaci tipicamente prescritti per trattare condizioni di stomaco legate all'acido come la malattia da reflusso gastroesofageo - aumentano il rischio di sviluppare il disturbo depressivo maggiore.

Questa è la principale causa di disabilità negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

Il primo autore del nuovo studio è Wei-Sheng Huang, del Dipartimento di Psichiatria del Taipei Veterans General Hospital di Taiwan.

Le pillole di acido gastrico possono alterare l'asse dell'intestino

Huang e il team hanno esaminato i dati su 2.366 individui che avevano assunto inibitori della pompa protonica e hanno continuato a sviluppare depressione e li hanno confrontati con 9.464 persone che hanno assunto anche i farmaci ma non hanno sviluppato depressione.

L'ultimo gruppo di partecipanti era "abbinato per età, sesso, tempo di iscrizione, ora del punto finale e periodo di follow-up".

I ricercatori hanno applicato l'analisi di regressione logistica e adattato a vari fattori demografici, nonché a comorbidità psichiatriche come ansia e disturbi da abuso di sostanze.

Lo studio ha rivelato che, rispetto a quelli che non sviluppavano il disturbo depressivo maggiore, "i pazienti con depressione maggiore avevano una maggiore prevalenza di una dose giornaliera definita cumulativa più alta" di inibitori della pompa protonica.

Nello specifico, il rischio di depressione clinica è aumentato per coloro che hanno assunto i farmaci pantoprazolo, lansoprazolo e rabeprazolo, mentre in quelli che hanno usato omeprazolo ed esomeprazolo, "è stato notato solo un significato di tendenza".

"A nostra conoscenza", scrivono gli autori dello studio, "questo è stato il primo studio a indagare l'associazione tra esposizione [inibitore della pompa protonica] e il rischio di depressione maggiore".

Mentre i meccanismi alla base di tale associazione rimangono misteriosi, gli autori azzardano un paio di possibili spiegazioni.

I farmaci potrebbero aumentare il rischio di depressione attraverso la disregolazione dell'asse intestinale, suggeriscono, o impedendo all'organismo di assorbire correttamente i nutrienti dopo l'uso di droghe per lo stomaco.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che i medici dovrebbero continuare a prescrivere i farmaci come e quando necessario, tenendo presente la gamma di effetti collaterali che possono avere questi farmaci - che comprendono la polmonite, la frattura ossea e le infezioni gastrointestinali.

Huang e il team raccomandano che studi futuri indaghino la fisiopatologia dietro l'associazione che hanno trovato.

Categorie Popolari

Top